POISON OAK Fiori californiani Fes - Fiori per l'anima

Antonella Napoli
Logo Fiori per l'Anima
Antonella Napoli
Vai ai contenuti

POISON OAK Fiori californiani Fes

Floriterapia > Fiori californiani Fes > I singoli fiori

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Paura di instaurare rapporti profondi perchè pensano di poter essere feriti dall'altra persona


Nome: Toxicodendron diversiloba

Colore: giallo-verdastro

Pianta, appartenente alla famiglia delle Anacardiaceae rampicante o arbustiva, che cresce sulla costa occidentale del Nord America. Il contatto con questa pianta provoca eruzioni cutanee e forte prurito. Abita foreste miste di latifoglie e praterie, boscaglie e foreste di querce sui 1.500 metri sul livello del mare. La forma a grappolo le permette di arrampicarsi sulle cime di grossi cespugli e tronchi d'albero. A volte uccide la pianta di supporto soffocandola o danneggiandola. Si riproduce per rizomi e semi. La pianta è decidua. In inverno gli steli diventano privi di foglie e possono essere identificati da occasionali macchie nere dove la linfa lattiginosa potrebbe essere filtrata. Le foglie hanno bordi smerlati, seghettati o lobati. Somigliano generalmente alle foglie lobate di una vera quercia, anche se tendono ad essere più luminose. Sono di colore bronzo quando si sviluppano per la prima volta da febbraio a marzo, verde brillante in primavera, giallo-verde a verde-rossastro in estate e rosso vivo o rosa da fine luglio a ottobre. I fiori si formano in primavera con il picco di fioritura a maggio. I nativi americani della California usavano gli steli e i germogli della pianta per fare cestini, la linfa per curare la tigna e come un impiastro di foglie fresche applicate ai morsi di serpente a sonagli. Il succo veniva usato come colorante nero per decorare oggetti di vimini, per tatuaggi e per scurire la pelle.

Persone che hanno paura di instaurare rapporti profondi perchè pensano di poter essere feriti dall'altra persona, per questo motivo allontanano l'intimità, emanando atteggiamenti ostili. Hanno una profonda sensibilità interiore e si sentono particolarmente indifesi nei rapporti interpersonali, temono che dimostrando di essere troppo aperti o confidenziali possano diventare eccessivamente vulnerabili per questo motivo assumono atteggiamenti difensibili che gli consentono di mantenere sempre una certa distanza dagli altri. Non sanno porre dei limiti tra sé stessi e gli altri.
Apparentemente distaccate, fredde, ed ostili, irritabili sono chiusi  in loro stessi, mostrano raramente la loro vulnerabilità e sensibilità e mostrano solo una parte esteriore dura.

Questa essenza floreale aiuta ad apprendere il significato dei limiti e dona sicurezza nelle relazioni intime, permettendo di arrendersi nell'intimità senza paura e fiducia nella cura dell'altro.
Impediscono agli altri di avvicinarsi o toccarli, perché si irritano, si arrabbiano, sono aggressivi al fine di tenere tutti lontani.

In realtà, dietro a tutto questo ci sono esseri molto sensibili che hanno difficoltà ad accettarsi come delicati ed emotivi. Questo si vede di più negli uomini, poiché secondo la cultura devono essere duri.
Per chi ha paura del contatto intimo e si difende facendo il duro e tenendosi distante.
Uomini che hanno paura del femminile, degli aspetti interiori o di essere assorbiti dai valori femminili, della sensibilità e della morbidezza.
Proprio come Star Tulip aiuta a migliorare la sensibilità, Poison Oak aiuta ad aprirsi.
È molto efficace nella crema quando c'è prurito.

                           

Rifiuto del contatto e dell'approccio.

Essenza floreale contenuta nelle COMPOSIZIONI FLOURISH: ANIMAL RELIEF (Conforto per animali)


Schema riassuntivo dell'essenza
La floriterapia non è una terapia medica, non costituisce diagnosi e cura medica e non la sostituisce in alcun modo. Le essenze floreali non sono farmaci e non hanno alcun effetto biochimico sull'organismo, ma agiscono solo sugli stati d'animo a livello emozionale in quanto non contengono particelle attive. Tutti gli esperimenti di autocura, interruzione o di riduzione arbitraria del dosaggio di farmaci prescritti, condotti al di fuori del controllo medico, ricadono esclusivamente sotto la responsabilità di chi li effettua.
Torna ai contenuti