WALNUT. L’essenza che ci aiuta ad abbracciare il cambiamento (Laura Cutullo) - Fiori per l'anima

Vai ai contenuti

WALNUT. L’essenza che ci aiuta ad abbracciare il cambiamento (Laura Cutullo)

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Da un anno ormai la vita di noi tutti è cambiata. Ciò che prima costituiva la nostra routine, che scandiva le nostre giornate, le settimane, le stagioni dell’anno, è stato sconvolto. Lo shock per ciò che stava accadendo ha improvvisamente frantumato le nostre vite in mille pezzi, come fossero di cristallo. Abbiamo dovuto affrontare il cambio di schemi e il taglio con il passato, con quello che è stato e che sappiamo non sarà più come prima. Ma non solo.

Dopo questo terremoto, non è più stato possibile ricostruire un’abitudine, un ritmo, una nuova routine. Continui cambiamenti rispetto a ciò che possiamo o non possiamo fare, dove possiamo andare, secondo il colore regionale, le quarantene, le disposizioni ministeriali, la salute di chi ci è vicino, la nostra salute, la possibilità di lavoro e l’impossibilità di lavoro, tutto cambia in continuazione e si muove lasciandoci in uno stato di incertezza e di ricerca di nuovi equilibri.

Siamo funamboli che impacciati camminano sul filo della vita. Ma in fondo tutto ciò sta dando una grande lezione: la vita non ha nulla di scontato, nemmeno se stessa. Non è facile questo continuo adattarsi al nuovo centro di gravità, uscire ogni volta, di continuo, da quello spazio di confort appena faticosamente raggiunto. Però abbiamo una grande risorsa alla quale attingere, l’essenza preziosa ricavata dai fiori del Noce: WALNUT, il Fiore che conosciamo come l’aiuto per affrontare i cambiamenti. Ma è davvero così?
Nella sua ultima stesura del testo I dodici guaritori e altri rimedi Bach scrive: “Per quelli che posseggono ideali e ambizioni di vita ben definiti e ai quali stanno adempiendo, tuttavia in rare occasioni sono tentati dall’altrui entusiasmo, convinzioni o forti opinioni, di allontanarsi dalle proprie idee, dai propri fini e dal proprio lavoro. Il rimedio conferisce costanza e offre protezione dalle influenze esterne”.
In questa definizione non troviamo nessun nesso all’aiuto al cambiamento, se non nel riferimento al sostegno nel rimanere saldi nelle proprie decisioni senza che le pressioni altrui possano deviarne la realizzazione con forse il sottinteso “anche se ciò significa grandi cambiamenti”.

Allora da dove si evince che Walnut è IL FIORE DEL CAMBIAMENTO per antonomasia?
 Dalle parole dello stesso dr. Bach, che in uno scritto del 1 gennaio (primo giorno dell’anno nuovo, non è una coincidenza) 1935 afferma: “Questo rimedio, Walnut, è il rimedio degli stadi di sviluppo: la dentizione, la pubertà, le trasformazioni della vita. Vale anche per le decisioni importanti prese durante la vita, come per esempio cambiare religione, lavoro, paese. È il rimedio per un grande mutamento, per coloro che hanno deciso di intraprendere un importante passo avanti nella vita. La decisione di andare avanti, di rompere le vecchie convenzioni, di abbandonare gli antichi limiti e restrizioni, cominciando una vita nuova e migliore, spesso porta con sé dolore fisico dovuto a sottili rimpianti, all’afflizione del cuore per lo spezzarsi di antichi legami, associazioni e pensieri. Questo rimedio, che il mutamento sia di natura fisica o mentale, placherà e aiuterà -sotto certe condizioni- a eliminare le reazioni fisiche. È il rimedio che ci aiuta ad attraversare tutti questi stati senza rimpianti, ricordi del passato o timori per il
futuro, e che quindi ci protegge dalla sofferenza fisica e mentale che spesso è associata a eventi del genere. Indubbiamente un grande antidoto contro gli incantesimi, sia per quelle cose del passato che vengono comunemente chiamate eredità, sia per le circostanze presenti.” (Da Edward Bach Le opere complete ed. Macro Edizioni settembre 2002)
Ecco che Walnut è quindi il grande aiuto del momento presente, di questi tempi così complessi, così diversi da tutto ciò che abbiamo conosciuto prima. Aiutandoci a rimanere saldi, proteggendoci dalle negatività, lasciando scorrere via il rimpianto, il Noce ci accompagna e sostiene ad abbracciare il cambiamento con tutta la forza racchiusa nei suoi fiori.
Dr.ssa Laura Cutullo, medico veterinario, esperta in floriterapia
Scritto tratto da Notiziario Unione Floriterapia del 3/2021
Liberamente tradotto da Antonella Napoli - Le parti in neretto, i titoli e la formattazione e le immagini non sono dell'autore, ma le ho inserite per una più veloce e scorrevole lettura


Se questo argomento è stato di tuo interesse e vuoi approfondirlo o trovare una soluzione personalizzata per te: Contattami
Dr.ssa Antonella Napoli, Psicologa e floriterapeuta, P.I. 001355428886 Iscrizione OPL 03/16607
Torna ai contenuti