Kitty Emmeline Jane - La madre della figlia e la seconda moglie di Edward Bach (Eduardo H. Grecco e Amparo Treig) - Fiori per l'anima

Vai ai contenuti

Kitty Emmeline Jane - La madre della figlia e la seconda moglie di Edward Bach (Eduardo H. Grecco e Amparo Treig)

Articoli > 2017

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Kathleen Emmeline Jane Light, soprannominata Kitty, per essere da bambina  come una gattina affettuosa, una donna bella e bionda, dagli occhi azzurri, amante della musica e del ballo, con molti talenti personali, di carattere forte, ma anche gentile, combattente e con un particolare senso dell'umorismo. È lei che diventa la seconda moglie di Edward Bach, nel 1917, ed è la madre della sua unica figlia Evelyn , anche soprannominata Bobbie, soprannome in parte di " bebé " e in parte di Bob, un cane pastore della sua infanzia. Kitty aveva concepito sua figlia l'anno precedente, prima di sposarsi, che, di per sé, denota un certo potere di decisione e poca preoccupazione per i "standard sociali".


Kitty bambina

Visse con Bach nella casa dei genitori di lui, a Birmingham, per un po'.
Non approvavano, né Evelyn , loro nipote, né la sua relazione di Bach, in virtù di un pregiudizio religioso sul fatto che non era ancora sposata con loro figlio. Il motivo di questa situazione era che Bach non si era ancora separato dalla sua precedente moglie. Per comprendere in modo più completo il significato di questa condizione, dobbiamo ricordare che era l'anno del 1916 e che, ancora, si sentivano gli effetti dell'epoca vittoriana, un tempo in cui cresceva la dottrina evangelica e allo stesso tempo ci sono stati importanti cambiamenti sociali in tutta l'Inghilterra. Oltre a ciò, il moralismo, la severità dei costumi, la disciplina, le convenzioni e le proibizioni, soprattutto nel campo sessuale, facevano sentire il loro peso molto forte. Il comportamento "puritano" di cura del denaro, per il lavoro, l'eccessiva valutazione dei codici morali della società, i doveri della fede, il rispetto dei comandamenti religiosi e della castità, erano valori rispettati. D'altro canto, gli uomini dominavano la scena pubblica e le donne occupavano un luogo significativo di sottomissione ai ruoli di madri e mogli. È  in questo contesto che una donna che va a vivere con un uomo ancora sposato e che ha una figlia con lui ci sembra non solo audace, ma coraggiosa.

Immagini di una madre
Una delle immagini che Evelyn  ha di sua madre è la seguente: "Ora parlerò un po' di mia madre. La sua famiglia viveva a Norwich, era una persona divertente e amorevole che amava ballare e recitare, e durante una stagione andò in tournée per partecipare a vari concerti per città della costa fino a quando, alla fine, trovò un lavoro fisso abbastanza buono come segretaria di Debenham&Freebody e un appartamento condiviso con due ragazze in Fleet Street. E’ stata a molte feste, balli e divertimento finchè non ha conosciuto mio padre e sono andati a vivere insieme.” Ci sono alcuni aneddoti che descrivono il temperamento poco legato alle convenzioni di Kitty. "In quel periodo c'erano molte feste per bambini e tutti avevano dei vestiti da festa raffinati, calzini bianchi e scarpe da ballo nere. Mia madre non sopportava di vedermi con un abito lungo, quindi portava sempre l'orlo molto al di sopra delle ginocchia."

Un altro anneddoto, certamente buffo è questa: "Mia madre non ha mai imparato a cucinare. Poco dopo il matrimonio, qualcuno gli ha regalato un pollo e lei l'ha messo direttamente nel forno, con la testa e con tutte le viscere ancora dentro. Come risultato, mio padre ha assunto una cuoca / governante e così ci siamo risparmiati dal vivere altri disastri culinari." Come Bach, Kitty si convertì al cattolicesimo e andava alla chiesa gesuita di Farm Street nel quartiere Mayfair di Londra. Questo luogo, che in realtà si chiama "Chiesa Dell'Immacolata Concezione", molto bello, era ed è molto apprezzato come centro intellettuale e spirituale e si avvicina a persone non solo cattoliche, ma anche di altre religioni e, perfino non religiose. Questa Chiesa è interessante per vari motivi. La sua storia può essere collegata all'emancipazione cattolica nel 1829, quando il superiore dei gesuiti inglesi, padre Randal Lythgoe, ha immaginato l'idea di costruire una chiesa con una capacità di 900 persone, un gesto audace per quel periodo. La Chiesa ha aperto le sue porte, in modo ufficiale, il 31 luglio 1849 ed è stata progettata da Joseph John Scoles in stile gotico.

E, nonostante la sua bella architettura, si distingue per il fatto di essere stata la chiesa che ha respinto Oscar Wilde, 120 anni fa, dopo essere stato accusato di sodomia e condotta indecente, ma che, nel 2013, ha tenuto la prima messa cattolica per la comunità omosessuale di Londra.
Kitty è diventata una cattolica devota, per un po', anche se nella sua vecchiaia, spiega Evelyn   "... non ha avuto alcuna fede per nessuna religione, e anche quando stava per morire in ospedale, non ha voluto nessun supporto spirituale.
C'è un'altra immagine di Kitty, che ci dà anche sua figlia, e che mette in evidenza il modo in cui vedeva la vita. Si tratta di una vacanza. "Quando avevo 13 anni ho finalmente fatto una vacanza con mia madre. Sono andata a Fowey, un piccolo villaggio della Cornovaglia, e ho soggiornato con lei in un hotel molto carino. Aveva la strana idea che i pomodori fossero molto buoni per la salute e ogni giorno ne comprava mezzo chilo. Ci sedevamo sulla spiaggia e li mangiavamo come fossero mele. Facevamo lunghe passeggiate insieme ed è stato strano incontrarla di nuovo. Un'altra cosa che mi è sembrata strana è che mi ha insegnato ad accendere i fiammiferi per accendere una candela di notte. Non mi piaceva, avevo paura di bruciarmi le dita. Non capisco perché me lo faceva fare."

Uno di noi che era lì da un po' di tempo e le ha raccontato una leggenda molto vicina al ciclo del Graal. La storia dice che Gesù ha visitato Fowey da bambino, accompagnato da Giuseppe di Arimatea, che è descritto come un mercante che ispezionava le miniere di stagno di quella zona, perché aveva interessi commerciali con queste. All'ingresso del fiume, sotto le scogliere c'è una croce che si dice commemori questo evento. Questo episodio diventa rilevante se ci concentriamo su una frase di Evelyn , la figlia di Kitty e Bach, tratta dal suo diario, estratta dal paragrafo precedente: "Facevamo lunghe passeggiate insieme e mi ha fatto strano incontrarla di nuovo." Se anche i genitori di Evelyn   comunicavano con lei, in particolare la madre, attraverso le lettere, lei non li vedeva da cinque anni. Una terza storia getta un po' più di luce. "Mia madre non stava mai senza fare niente. Ha iniziato a lavorare da infermiera assistente per persone anziane che volevano aiuto temporaneamente, mentre le loro infermiere abituali erano fuori o in vacanza. Andava di casa a casa sempre raccomandata da medici e pazienti. Mi ha raccontato un'esperienza piuttosto curiosa quando un professore di una certa età, un po' prepotente, le ha chiesto di andare a letto con lui, ma si è salvata da quell'umiliazione grazie all'arrivo della moglie, che è entrato in camera con il cibo su un vassoio. Dopo due anni di lavoro da infermiera, la mamma ha visto un annuncio di lavoro temporaneo come impiegata nella pubblica amministrazione e ha pensato di averne avuto abbastanza del lavoro da infermiera. Ha risposto all'annuncio ed è stata felice di ottenere un lavoro così ben pagato e facile e le è piaciuto fino a quando è andato in pensione, a 60 anni."


Kitty e Bach

Inoltre, era una nonna devota. Quando Evelyn ebbe bisogno di lavorare a seguito della morte prematura di suo marito, Kitty si prese cura dei suoi figli, che trattò con molto affetto, senza perdere il modo gentile di parlare e giocare con loro. Quando Bobbie tornava ogni giorno dal lavoro, Kitty insisteva che i bambini non la disturbassero immediatamente e spesso le preparava un bagno e una tazza di tè. Caroline, una delle nipoti di Kitty e Bach, ci spiega che il vicinato pensava che madre e figlia fossero persone formidabili. Schiette, dirette e amanti dei dibattiti sociali e politici, rompevano con il ruolo socialmente imposto alle donne nell'Inghilterra del secolo scorso.

Immagini di una moglie
Per i riferimenti che abbiamo da varie fonti, a quanto pare Kitty si sentiva arrabbiata con Bach per il fatto di averla allontanata della sua vita e anche perché, nel tempo in cui furono insieme, le abitudini di Bach non finivano di piacerle. Non era disposta a perdonare quello che aveva vissuto come un terribile abbandono, di cui non psrlò con sua figlia o con i suoi nipoti. È possibile che lei abbia avuto una relazione piuttosto burrascosa con Bach, ma in gioco, non è il giudizio ad un rapporto di coppia, ma capire quale lezione Bach stava apprendendo con lei. È possibile che entrambi fossero spiriti molto liberi e forse entrambi viaggiavano con la mente e il corpo attraverso le geografie interne ed esterne. Ad entrambi sembra che gli piacesse godersi la vita e aprirsi all'aiuto del prossimo o alle attività di servizio, ma hanno seguito strade diverse, non erano pronti a seguire lo stesso sentiero insieme.

Profilo
Kitty era una donna precipitosa e indipendente e, in qualche modo, imprenditrice e attenta ai dettagli. Di una bellezza selvaggia che è possibile che abbia evocato in Bach il ricordo delle donne della campagna gallese e che questa sia stata per lui, una attrazione inconscia ma molto reale. Vi sono diversi sviluppi che dovrebbero essere considerati circa questa relazione. Quando Bach ha la sua crisi di salute del 1917 era già sposato con Kitty e, tuttavia, sono i suoi genitori e non Kitty che autorizzano l'operazione che gli ha salvato la vita. In tutti i documenti che abbiamo esaminato non si parla della presenza o dell'intervento di sua moglie, e non ci sarebbe motivo per omettere la sua assistenza, a meno che non lo avesse accompagnato in questa sofferenza perché erano già separati. O forse, i devoti genitori di Bach hanno ritenuto che quella sconsiderata, leggera e giovane moglie non avesse il diritto di intervenire in una situazione così critica.

Ma abbiamo trovato un altro fatto importante. Nel 1918 Bach insedia un piccolo laboratorio a Nottingham Place, W. I, e le sue difficoltà economiche erano così grandi che viveva, mangiava e dormiva in una piccola stanza che aveva lì; cioè, a quanto pare, non condivideva più la casa con Kitty. La separazione proveniva anteriormente dalla sua crisi di salute del 1917, o parte degli effetti della crisi è stato quello di mettere fine, dall'interno, a questo legame? D' altra parte, Evelyn, nel suo diario, non parla di separazione tra i suoi genitori fino al 1922, e questo si riflette nelle foto dell'album di famiglia.  Alcuni commenti persi parlano del fatto che questa relazione non è stata molto felice per Bach. Naturalmente, non è azzardato supporre che debba essere difficile per una donna capire le aspirazioni e il ritmo di vita di un uomo così complesso quanto lui. Inoltre, Bach era una persona attraente e magnetica, ma, in quel periodo, probabilmente inadeguato nei rapporti con le donne, o meglio, nell'interpretare e soddisfare i desideri femminili.

I suoi interessi erano così fortemente orientati verso altri obiettivi che la routine di una vita domestica e le pretese e richieste di una moglie dovevano essere, per lui, qualcosa di difficile a cui fare fronte. Chiunque lo amasse doveva accettare che nulla fosse prima della missione che la sua Anima gli chiedeva di compiere e che non c’era affetto che potesse distoglierlo da questo cammino. In che misura la sensazione di non poter costruire un rapporto che soddisfacesse le esigenze del proprio partner, alla pari delle proprie, ha contribuito a provocare la crisi del 1917 è quasi impossibile da determinare, ma sicuramente è qualcosa che ha inciso. Il rifugio sul lavoro, in modo eccessivo, potrebbe anche essere stato un modo attraverso cui si immergeva in un'attività che lo allontanava da tutto quel confronto e pressione emotiva.

Ma, come tutto nella vita, le medesime esperienze di questa natura non sono gratuite, ma sono lezioni da cui bisogna imparare. Per Bach, per quanto si sa, sono state le tappe che ha lasciato alle spalle e con esse ha incorporato gli insegnamenti che lo hanno aiutato a sviluppare il suo lavoro. Fu marito per rendersi conto che il suo lavoro richiedeva tutta la sua energia disponibile e che non poteva scendere a compromessi se non con la sua stessa missione. Non toccava a lui godere delle delizie di un matrimonio felice o di una paternità dedicata, e non siamo molto convinti che Gwendoline o, Kitty, successivamente e lungo la vita di Bach, hanno capito questa realtà. Ci permettiamo di supporre che Bach abbia imparato, attraverso i suoi legami, che prima di tutto è all'interno di sè stesso dove bisogna cercare l'armonia, per poi raggiungerla nelle relazioni. Che né nell'altro né nel mondo può trovarsi l'unità a cui anela ardentemente la nostra Anima, se prima non la troviamo dentro di noi. Due anni prima della sua morte Bach bussò alla porta di Kitty chiedendo aiuto. Lei non gli ha permesso di abitare di nuovo con loro e non parlò mai di lui. Ha conservato per sé quella storia turbolenta, infelice, di abbandono e mancanza di amore. Morì una notte nel 1973, a 83 anni, nel vecchio ospedale di Norfolk e Norwich, e non esattamente in modo pacifico.


Kitty a 70/75 anni

Chiusura
Naturalmente ci si può interrogare sul valore che hanno questi commenti per coloro che coltivano l'arte della Terapia Floreale. Da un lato, è bello conoscere la storia dell'uomo che l’ha creata, ma, più significativo è immaginare come si muoveva il suo cuore e cosa lo portò ad un legame d'amore con Kitty. L' amore è uno dei temi centrali della sua dottrina ed è bello vedere come lui lo incarnava, non solo nel suo lavoro, ma nella sua vita personale. E se non ci sbagliamo su come era Bach, nessuna relazione, per lui, era un passatempo. Forse per Kitty non fu un buon marito, ma questa è solo la superficie della storia. La felicità o l’infelicità di una relazione non è una via a senso unico o un telaio con un solo filo. Come sottolinea, Honoré de Balzac, "Tutti gli amanti sono abili nel forgiarsi disgrazie."

Kitty e Evelyn , la nipote di Bach e Kitty

Ringraziamo Berta Creus per la traduzione in spagnolo dei frammenti del giornale di Bobbie e  Inés Grandesle per le sezioni del video utilizzato, in cui viene eseguita un'intervista alla figlia di Bach. E, soprattutto, ringraziamo i discendenti di Edward Bach e Kitty Emmeline per averci affidato queste informazioni meravigliose in modo che vengano alla luce. Perché è arrivato il momento.
Le quattro foto 1) Kitty bambina, 2) Kitty di 70 o 75 anni, 3) Kitty e Bach e 4), Kitty e Evelyn che la nipote di Bach e Kitty, Caroline , ha condiviso con noi per questa pubblicazione.



Scritti tratti da https://www.facebook.com/eduardohoracio.grecco   2017
Liberamente tradotto da Antonella Napoli -



Dr.ssa Antonella Napoli, Psicologa e floriterapeuta, P.I. 001355428886
Torna ai contenuti