Le essenze floreali come parole (Eduardo H. Grecco) - Fiori per l'anima

Logo Fiori per l'Anima
Antonella Napoli
Vai ai contenuti

Le essenze floreali come parole (Eduardo H. Grecco)

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti



Le essenze floreali sono preparati   liquidi che portano scritto nella loro struttura, un messaggio proprio di ogni fiore. In questo modo la loro azione consiste in parte nel trasmettere questo messaggio alla coscienza della persona allargando il suo orizzonte affettivo e diminuendo l'ignoranza della sua ombra. In questo modo, le essenze aumentano il livello di autocoscienza del soggetto, rivelando informazioni dimenticate o represse e facendo emergere potenzialità  addormentate. Il processo attraverso il quale ciò accade è abbastanza   difficile da descrivere, ma è molto adatto ai postulati della teoria dei   campi morfogenetici.

Dal punto di vista dinamico, per spiegare questo processo bisogna partire dal pensare ogni prescrizione floreale come un'interpretazione in atto. Un’approssimazione di ciò che questo significa è che il terapeuta, nel “leggere” simbolicamente il senso dei sintomi di un paziente e restituendogli questa "interpretazione", in termini di formula floreale, spera che ingerendo le essenze queste provochino nella coscienza del paziente lo sviluppo di ciò che lo ha portato a questa formulazione. È come se la formula floreale sostituisse la parola del terapeuta e agisse nella coscienza del paziente arricchendola e, allo stesso tempo, dandogli   la possibilità di accedere ad un'informazione che era presente per assenza   nel sintomo.

Naturalmente questo implica considerare ogni essenza come detentrice di un valore significativo, come se  fossero parole che producono un'efficace azione simbolica di trasformazione, operazione che Claude Lévi-Strauss ha definito "l'efficacia del simbolico”.
Questa trasformazione consiste nel rendere sensibile alla coscienza ciò che appare come il resto di un'esperienza (emozioni soffocate, credenze incoscienti) e rendere accettabile per la personalità ciò che fino a quel momento si rifiutava di ammettere.
 
Il paziente, di solito, considera il rapporto tra la sua malattia e la causa come qualcosa esterno a lui, e l'essenza floreale lo colloca nello scenario di una relazione, tra entrambi i termini, come qualcosa di interiore. Una relazione tra significante (sintomo) e significato (causa reale). In questo modo il terapeuta fornisce, attraverso le essenze floreali, un linguaggio con cui il paziente può esprimere esperienze che portano le informazioni attraverso un'altra via, ed è questo passaggio - da ciò che è ignorato alla coscienza e dalla coscienza alla parola - ciò che provoca lo sblocco dei processi corporei o psicologici per i quali la persona soffre e nei quali si trova intrappolata.
 
Il fatto che questa azione si   svolga nell'ambito di un certo "rituale prescrittivo", ha un valore decisivo, poiché questo gesto – che fa parte di una relazione curativa – è un'esperienza che accompagna necessariamente il progresso reale della cura.  Le essenze curano, ma ciò che guarisce è la relazione compresa come un  incontro nel quale il paziente scopre se stesso attraverso l'"altro-terapeuta" e in cui i rimedi floreali sono il "supporto materiale" del processo, come lo è la parola nella psicoanalisi.

L'efficacia simbolica che possiedono le essenze floreali si basa su questa proprietà che stimola la coscienza e che costituisce un tratto strutturale della funzione dell'anima, attraverso   la quale la personalità cerca di ritrovare la coscienza e le parole perdute e  liberarsi dalle fissazioni alle quali si trova radicata.
  

  
Scritti tratti da https://www.facebook.com/eduardohoracio.grecco   11/11/2021
Liberamente tradotto da Antonella Napoli - Le parti in neretto, i titoli e la formattazione e le immagini non sono dell'autore, ma le ho inserite per una più veloce e scorrevole lettura


Se questo argomento è stato di tuo interesse e vuoi approfondirlo o trovare una soluzione personalizzata per te: Contattami
La floriterapia non è una terapia medica, non costituisce diagnosi e cura medica e non la sostituisce in alcun modo. Le essenze floreali non sono farmaci e non hanno alcun effetto biochimico sull'organismo, ma agiscono solo sugli stati d'animo a livello emozionale in quanto non contengono particelle attive. Tutti gli esperimenti di autocura, interruzione o di riduzione arbitraria del dosaggio di farmaci prescritti, condotti al di fuori del controllo medico, ricadono esclusivamente sotto la responsabilità di chi li effettua.
Dr.ssa Antonella Napoli, Psicologa e floriterapeuta, P.I. 001355428886 Iscrizione OPL 16607
Torna ai contenuti