Scoprire, ritrovare o equilibrare la propria autostima (Antonella Napoli) - Fiori per l'anima

Vai ai contenuti

Scoprire, ritrovare o equilibrare la propria autostima (Antonella Napoli)

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Quando parliamo di autostima, ci riferiamo al modo in cui ci valutiamo, a quello che pensiamo di noi stessi. Quindi per avere una buona autostima dobbiamo amarci, rispettando quello che siamo. Che vuol dire accettarsi senza sentirci inadeguati, falliti, delusi, insicuri o, cosa molto importante quando si parla di autostima, senza fare paragoni con altri che alla fine risultano irraggiungibili.  

Spesso pensiamo che il giudizio degli altri possa essere uno specchio per accrescere la nostra autostima, nel modo in cui ci viene rimandata, invece alla fine capita proprio il contrario: stiamo attenti alle cose negative che ci rimandano gli altri, oppure semplicemente non abbiamo il feedback che speravamo, e questo fa diminuire la nostra autostima. Non solo, ma l’immagine che ci rimandano gli altri diventa quello che pensiamo di noi stessi.
  
In più, il fatto di riuscire a raggiungere o meno un obbiettivo ci fa pensare di essere più o meno capaci. In realtà né gli obiettivi né  le persone esterne devono avere il potere di fare accrescere o diminuire la nostra autostima, l’unico modo per accrescerla  è quello di trovare un diverso atteggiamento mentale verso noi stessi.
  
Con una bassa autostima, ci “ritiriamo dal mondo”, quindi siamo poco partecipativi, abbiamo scarso entusiasmo per le cose nuove o che pensiamo possano metterci in imbarazzo, paure, ci sentiamo inadeguati e questo ci provoca ansia. Invece di porre l’attenzione sui nostri punti di forza che trascuriamo o che neanche ci rendiamo conto di avere, guardiamo esclusivamente le debolezze e le mancanze.
Questo succede anche perché sentiamo di avere una grande discrepanza tra le qualità che vorremmo avere (e parliamo di qualità fisiche, mentali o di carattere), e quello che pensiamo invece di essere. E la rassegnazione prende il sopravvento, visto che pensiamo irraggiungibili quelle qualità che tanto vorremmo avere. Più grande sarà la discrepanza tra ciò che siamo e quello che vorremmo essere, minore sarà la stima di noi stessi.
  
Nel momento in cui le aspettative sono molto basse, emerge l’ansia, e non ci impegniamo, o lo facciamo in modo scarso, senza convinzione, per raggiungere l’obiettivo e quindi il fallimento sarà probabilissimo. Ecco che abbiamo messo in atto un circolo vizioso dove l’autosvalutazione è confermata. Non pensiamo che in quella situazione, abbiamo sbagliato modalità, abbiamo sbagliato condotta ed è solo quella che è stata fallimentare, ma un errore, uno sbaglio, una volta che non siamo riusciti a raggiungere quell’obiettivo che ci eravamo prefissati, ci fa incolpare in maniera globale, totale, siamo delusi ed amareggiati verso noi stessi.
  
Spesso capita che la bassa autostima sia generalizzata, e non ci soffermiamo sul fatto che ognuno di noi, rispetto ad alcune competenze può essere più o meno bravo. Ci sono persone che possono essere brave nel loro specifico lavoro, altre brave a cucinare, a tenere i bambini,  ecc. Ma capita che sono declassate queste qualità perché si pensa che son comuni a tutti quanti, “questo lo sanno fare tutti”….  E niente sarà mai abbastanza.
 
Per questo rinunciamo a fare una cosa dove non pensiamo di essere abbastanza bravi rispetto a qualcun altro, e ancora di più rinunciamo a fare qualche cosa di nuovo, di diverso.
Quello che bisogna imparare, invece è quella di osservare ed accettare i nostri limiti (che fanno parte di ognuno di noi), in modo tale da poterli migliorare, e utilizzare i nostri punti di forza come strumento per affrontare quella situazione. Ma per questo dobbiamo essere coscienti sia dei nostri limiti che dei nostri punti di forza.
  
Anche un’autostima eccessiva porta problemi (autostima ipertrofica), perché la persona è sempre sicura di quello che fa, pensa sempre di fare la cosa giusta con il rischio di diventare presuntuosa. La testardaggine non ci fa accorgere di eventuali alternative o di propri errori da cui trarre insegnamento.
  
Quindi una sana autostima si trova nel mezzo: né troppo in basso né troppo in alto, abbiamo detto che non può dipendere dal giudizio degli altri, e fa parte di persone che hanno una profonda conoscenza di loro stessi, quindi conoscono i propri punti di forza, ma si mettono in gioco per migliorare quelli di debolezza, pronti sempre al confronto. Perché il confronto non ci deve fare sentire peggiori, ma fare capire dove possiamo migliorare e semmai in che modo. È importante acquisire una accettazione consapevole di quello che siamo in questo momento, senza bloccarci nei rimpianti del passato o pensare che il futuro può portarci dei cambiamenti, senza costruirli oggi.

Photo by Brennan Martinez on Unsplash

Per quello che riguarda la floriterapia, ci sono molti fiori che possono esserci di aiuto in questo cammino di autostima.
  
Tra i Fiori di Bach, nei Dodici Guaritori troviamo un fiore che ah un temperamento dove c’è una grande mancanza di fiducia in se stessi:  CERATO. Nelle descrizioni che fa Bach è chiara la sua mancanza di sicurezza. Questa mancanza di fiducia in se stesso che lo fa essere influenzato dagli altri, in attesa dei consigli degli altri per fare qualche cosa che portano alla mancanza di autostima. La mancanza di autostima le porta ad ammirare e fidarsi troppo di coloro che hanno opinioni decise; a causa di questo possono finire facilmente nei guai. (…)Faranno praticamente qualsiasi cosa, giusta o sbagliata che sia, se l’argomento è abbastanza convincente. Non hanno fiducia nel proprio buon senso. Anziché avere propri desideri e aspirazioni, citano spesso ciò che gli altri hanno pensato o consigliato. Le idee e le opinioni degli altri sono troppo importanti, e ciò li deruba della loro personalità. Avranno sempre qualche scusa per tutto ciò che fanno”. (Bach)
Quindi CERATO è come se non riuscisse a sviluppare una propria personalità, dà continue giustificazioni, non accetta i propri errori e per questo li ripete.
  
Un altro essenza floreale importante nel repertorio di Bach per l’autostima è LARCH. Utile per le persone che si sentono inferiori ad altre, quindi sentono di valere meno di… non riuscire come…. Quindi non ci prova neanche. Ha paura del confronto perché si sente sconfitto in partenza e così facendo rafforza i propri limiti e non riesce a liberarsene. Non pensa che un insuccesso può esserci di aiuto per imparare qualcosa di nuovo, per “correggere il tiro” e fare nuove esperienze, quindi automigliorarsi.
“Per coloro che si considerano inferiori alle persone che li circondano, e meno capaci di loro. Si aspettano di fallire e sentono che non raggiungeranno mai un successo. Quindi non rischiano né si sforzano abbastanza per riuscire nella vita.” (Bach)
 
 
Questi ed altri fiori sono contenuti in una miscela già pronta per l’uso che si chiama RESOURCE CONFIDENCE, creata proprio per evocare le proprie risorse interiori e le proprie innate capacità di adattamento quando di desidera sviluppare autostima e fiducia in se stessi. Sono un insieme di essenze che hanno lo scopo di lavorare sulla fiducia in se stessi con la capacità di rafforzare la propria autostima di LARCH è l’aiuto allo sviluppo della volontà ed assertività di CENTAURY; la sicurezza e decisione che abbiamo visto in CERATO, insieme a HORNBEAM per apportare vigore e SCLERANTHUS decisione e infine essenze per la motivazione: ELM risolutezza e GENTIAN consapevolezza delle proprie capacità
 
Nel repertorio californiano Fes segnalo 3 fiori che ritengo essere molto utili per l’autostima:
  
PRETTY FACE è utile per le persone che sono eccessivamente preoccupate per la loro apparenza esteriore e dedicano molto tempo e sforzo ad essere esteticamente migliori. La loro autostima è legata alla perfezione fisica che ricercano continuamente e hanno paura di non piacere esteticamente e quindi essere respinti. Questo li porta ad una insicurezza e svalutazione, si sentono inadeguati, goffi e pessimisti. Questa essenza aiuta nell’accettazione di se stessi perché mette in contatto con bellezza interiore senza essere condizionato facilmente dai canoni estetici che la società propone. Questo è il motivo per cui nel momento in cui cambiano i canoni estetici, oppure passano gli anni ed il corpo cambia, può sentirsi insicuro, inadeguato, provare rifiuto, vergogna. È una essenza utile a tutti coloro che non si amano fisicamente, anche per gli adolescenti, le persone obese, persone con handicap fisici, chi ha una deformazione fisica perchè vi è nato, oppure ha avuto un incidente e per le donne incinte. Dona autostima ed auto-accettazione.
  
SUNFLOWER è l’essenza del girasole che altri non è che la rappresentazione del Sole, energia creativa maschile (il padre porta le qualità solari) che illumina l'individuo e lo cura con il suo calore. Ma questo sole può essere troppo forte, troppo caldo o troppo flebile e nascosto. Quindi l’essenza è utile per le persone che hanno problema il proprio sole in modo equilibrato sia in eccesso che in difetto. Quindi è utile per chi è troppo arrogante e presuntuoso, vanitoso, narcisista (il sole splende con troppa forza ed abbaglia), oppure per chi si sottovaluta, soffre di complesso di inferiorità, è insicuro e si sente sempre inadeguato (la lucentezza del sole è oscurata, bisogna dare luce all'animo).

BUTTERCUP è un’essenza utile per chi è inconsapevole delle proprie capacità, quindi si svaluta e per questo ha complessi di inferiorità, proprio perché non è consapevole del proprio valore. La poca autostima che si esprime con timidezza e insicurezza anche nell'esprimere sentimenti e convinzioni interiori. Cerca di corrispondere agli standard che la società presuppone e se non ci riesce diventa complessato, non rendendosi conto che la cosa importante è riconoscere ed accettare la propria unicità e irripetibilità individuale e non quello che ci propone la società. Diventano così dipendenti dal giudizio altrui e per questo motivo si assumono atteggiamenti per attirare l'attenzione degli altri e la loro approvazione. Oppure, al contrario si inibiscono i propri desideri ed aspirazioni per vergogna, timidezza, paura del fallimento.
 
Per quello che riguarda il repertorio australiano del Bush, quello che vi segnalo è una miscela già pronta che contiene essenze utili per l’autostima. Si chiama SELF CONFIDENCE utile per fare emergere gli effetti positivi della fiducia in se stessi e permettere di sentirsi a proprio agio in mezzo ad altre persone, oltre che a migliorare l’opinione negativa sulle proprie capacità ed eventuali sensi di colpa pregressi.
I fiori contenuti in questa miscela sono:
 
  • BOAB è una essenza utile quando le opinioni che abbiamo di noi stessi sono dovuti a condizionamenti familiari che ci sono stati trasmessi dai nostri genitori e abbiamo acquisito rigidamente e tramandati di generazione in generazione e sono stati interiorizzati e vissuti come facenti parte di sé. Queste opinioni ci limitano e l’essenza ci aiuta ad avere una maggiore fiducia nel progredire secondo le proprie personali potenzialità. L’essenza aiuta a sostenere persone con scarsa fiducia nelle proprie potenzialità nel progredire e porta come risultato a profonde trasformazioni personali. Offre una grande forza e l'opportunità di percepire la nostra vera essenza, staccandoci da antichi modelli di comportamento che ostacolano il nostro sviluppo poiché non sono autenticamente nostri.
  • DOG ROSE lavora sulle paure, i timori e per questo promuove fiducia e sicurezza in se stessi. Aiuta a scoprire un rinnovato coraggio per affrontare le situazione in cui non ci si sentiamo all’altezza e quindi a superare i timori.È un fiore utilizzato anche per le persone timide dove anche in questo caso troviamo una mancanza di fiducia verso gli altri. L’essenza aiuta queste persone ad avere maggiore confidenza con il proprio mondo interiore e conseguentemente permette una maggiore libertà di espressione. Aiuta nella conoscenza degli altri, lasciando da parte la timidezza.
  • FIVE CORNER è il fiore dell’autostima e di amor proprio per eccellenza del repertorio australiano. Porta l’accettazione della bellezza in tutte le sue sfaccettature, per riconquistare la confidenza con la propria bellezza interiore ed esteriore. Utile anche per quelle persone che non si sentono fisicamente a loro agio e quindi usano toni neutri, scuri o comunque spenti e l’abbigliamento assume la sola finalità di coprire il più possibile. Questa essenza aiuta ad accettare, in un primo momento, la propria interiorità, per poi apprezzare la propria bellezza a tutti i livelli. Sono persone che non accettano quello che sono e quindi non hanno una buona vita relazionale. Svalutano il proprio corpo, ciò che sono perché sono dominati dall’insicurezza. Questa essenza dà fiducia, cura la svalutazione e fa sentire la persona in armonia con il proprio corpo. Ricordiamoci che non possiamo amare gli altri se non amiamo noi stessi. Ciò che ricevo dal mondo è un riflesso di ciò che sto dando a me stesso. Questo fiore aiuta a permetterci di diventare più amorevole verso noi stesso ed accettarci.
  • SOUTHERN CROSS – Essenza utile per il risentimento e vissuti di autocommiserazione e autovittimismo. Sono persone che sentono che la vita è stata molto dura con loro, che il destino non è stato loro favorevole e rifiutano l’idea di essere i responsabili della propria condizione, perché non pensano di potere esercitare un controllo sulla vita. Per questo spesso sono irritati ed invidiosi nei confronti di quelli che hanno avuto fortuna e successo. L’essenza è utile per cominciano a considerare gli altri apprezzandoli senza giudicarli, senza sentirsi vittime della vita e approcciando ai loro problemi in un’altra prospettiva. Aiuta ad aprirsi all’idea che questa può essere una vita abbondante e ricca di occasioni da cui trarre insegnamento.
  • STURT DESERT ROSE – questa essenza è utile per le persone che hanno un problema di bassa autostima a causa dei  sensi di colpa. L’insegnamento dell’essenza è quello di essere onesti con se stessi e seguire i propri valori. Aiuta le persone a seguire la propria moralità. Questo rimedio dona la forza di essere onesti con se stessi, lenire il senso di colpa che può portare all’autocritica, con il malessere che ne può conseguire.
                     
Quindi, una persona che ha una buona autostima, è in grado di capire i suoi punti di forza in modo da  valorizzarli e conosce i suoi punti di debolezza in modo da verificarli e migliorarli. Inoltre impara ad usare i suoi punti di forza per compensare le sue carenze.  È più sereno, e sa rispondere adeguatamente alle opportunità e alle sfide della vita, non dipende dal giudizio altrui, ha maggiore perseveranza in obiettivi e progetti (anche nuovi)  che lo appassionano, senza lasciarsi scoraggiare dal timore di non farcela. Nella terapia floreale troviamo vari fiori che ci possono essere di  aiuto nel viaggio per ritrovare, rafforzare o equilibrare la nostra autostima.



Se questo argomento è stato di tuo interesse e vuoi approfondirlo o trovare una soluzione personalizzata per te: Contattami
Dr.ssa Antonella Napoli, Psicologa e floriterapeuta, P.I. 001355428886 Iscrizione OPL 03/16607
Torna ai contenuti