PRETTY FACE - Repertorio californiano Fes - Fiori per l'anima

Vai ai contenuti

PRETTY FACE - Repertorio californiano Fes

Floriterapia > Fiori californiani Fes > I singoli fiori

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Nome: Triteleia ixioides

Colore: giallo, striato di marrone

Pianta erbacea perenne della famiglia delle liliacee. Ha foglie strettamente lineari con una vistosa nervatura centrale sulla pagina inferiore e fiori imbutiformi di colore giallo oro, striati di marrone scuro.

Sono personalità eccessivamente preoccupate per la loro apparenza esterna e che dedicano molto tempo e sforzo ad essere esteticamente migliori. Sono cercatori della perfezione fisica e hanno paura di non piacere esteticamente e quindi essere respinti. Sono socialmente insicuri e si svalutano, si sentono inadeguati e goffi, sfiduciati e pessimisti. Il fiore aiuta all'accettazione di se stessi attraverso il contatto con la propria bellezza interiore. La bellezza dell'essere umano è spirituale, chi si identifica o attribuisce al proprio aspetto esteriore eccessiva importanza, è condizionato facilmente dai canoni estetici che la società propone. E nel caso non si ritrovi in quei canoni può sentirsi insicuro, inadeguato, provare rifiuto, vergogna. Per coloro che nonostante abbiano tratti normali, sentono la necessità di dover modificare le proprie apparenze oppure per quelli che hanno paura di invecchiare. Pretty Face modifica la coscienza dell'anima affinché invece di cercare fuori, si trovi la bellezza dentro. Questa essenza è indicata per gli adolescenti, le persone obese, persone con handicap fisici, chi ha una deformazione fisica perchè vi è nato, oppure ha avuto un incidente e per le donne incinte. Dona autostima ed auto-accettazione.

Per chi ha subito percosse, violenze e biasimo o lo si è fatto sentire orribile o indesiderato - accettazione delle proprie fattezze fisiche con le loro imperfezioni perfette - in adolescenza quando ci si sente brutti e rifiutati e si desidera essere considerati belli per essere accettati dalla società - eccessivo interesse per la cura fisica - sentirsi il brutto anatroccolo o la pecora nera della famiglia, essendo diversi e non attraenti - si desidera che la propria casa appaia bella secondo i canoni degli altri, ciò porta ad essere lontani da ciò che piace e soddisfa - incapacità di accettare il processo di invecchiamento e di permettere alla bellezza interiore di espandersi - per dare più luce e radiosità al corpo, soprattutto al volto - per chi ha problemi con il cibo, si vede orribile, crea un'immagine di grassezza o magrezza estreme a causa dell'incapacità di trovare la vera fonte di bellezza interiore - scarsa cura personale o cura eccessiva e mascheramento estetico con uso di cosmetici, dovuta ad una orribile immagine interiore di sè; capacità di portare all'esterno la bellezza interiore proveniente dall'anima.

Dr.ssa Antonella Napoli, Psicologa e floriterapeuta, P.I. 001355428886
Torna ai contenuti