Evelyn Varney ( nata Bach ), una donna singolare (Edoardo H. Grecco e Amparo Treig) - Fiori per l'anima

Vai ai contenuti

Evelyn Varney ( nata Bach ), una donna singolare (Edoardo H. Grecco e Amparo Treig)

Articoli > 2018

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Condivisione di un pezzo della vita della figlia del Dr. Bach. Una donna molto speciale. Edoardo

Intervistatore: “Sei a tuo agio?”
Evelyn :Sì, sì , chiedimi quello che pensi e non aspettarti che sia o faccia qualcosa che non sono Ho intenzione di rispondere in modo diretto."
È così che affronta l'intervista Evelyn. Un'intervista che è stata fatta nel maggio 1994 e che la sua famiglia ci ha generosamente donato affinché sia ​​lei a raccontarci e trasmettere la sua essenza. E non poteva essere altrimenti perché così era Evelyn. Perché così è la sua anima.
 
Figlia di genitori poco comuni per i suoi tempi, Evelyn era una persona preparata dalla vita per non arrendersi di fronte alle avversità. Mani generose sempre aperte per aiutare, leader nella sua cerchia ristretta, con un temperamento intenso, un esprimersi diretto e vigoroso, ed uno spirito indagatore e intraprendente, merita di essere ricordata per sé stessa e non attraverso chi era suo padre.
 
Edward Bach ha avuto due figlie: Evelyn e la Terapia Floreale e, in entrambe, si riflette molto ciò che era stato. Ma non si tratta di saperne di più di Bach grazie alla conoscenza di sua figlia biologica. Al contrario, l'intenzione che ci incoraggia è quella di parlare di chi è stata Evelyn Varney per nessun altro motivo che se stessa.
Abbiamo cercato di costruire la sua immagine da un luogo molto amorevole a partire dalla sua voce e dalla sua famiglia. È che, per una misteriosa ragione che non riusciamo a spiegarci, abbiamo finito per innamorarci della sua persona e della sua storia.
 
Nella prima parte di questo articolo, presenteremo le "abitudini" di Evelyn e, nella seconda parte, racconteremo una cronologia della sua vita con vari commenti chiarificatori sui fatti e sui luoghi citati.

Evelyn nello sguardo di sua nipote Caroline
"A mia nonna piaceva essere occupata. Quando eravamo bambine mia sorella ed io, ci ha insegnato a dipingere con gli acquerelli, ci invitava a cucinare, ci portava sul bus per fare la spesa, l’aiutavamo in giardino e consegnavamo la rivista della Chiesa (anche se in quel periodo era atea).
Era molto socievole e aveva molti amici che andava a trovare. Amava giocare al bingo e organizzava un incontro settimanale di "Whist drive" (una sorta di gioco di carte molto comune in Gran Bretagna, originario del XVII secolo)

La vedevamo qualche volte durante la settimana e, sempre, la domenica, molte delle quali venivano con noi in spiaggia. Passava anche le vacanze con noi.
Aveva un carattere forte; le piaceva dire le cose chiare e dirette. Come era prevedibile, questo causava a volte offesa e sconcerto negli altri. Al di là di questo, gli piaceva molto aiutare tutti
 
Non esprimeva facilmente le sue emozioni; quello che faceva era dimostrare quando non era soddisfatta di qualcosa o di qualcuno. Non era una persona che piangeva facilmente; sembrava piuttosto dura in questo. Una volta disse a mio padre Richard (suo figlio), di mantenere il contegno, quando ha versato una lacrima al funerale di nonna Kitty.

Ho l'impressione che lei avesse imparato a sopprimere la sua tristezza. Forse in collegio era molto difficile mostrare le emozioni di fronte alle altre ragazze. Credo anche che si sia sentita abbandonata dai suoi genitori e abbia imparato a non mostrare la sua preoccupazione o fastidio per questa circostanza.
Quando Clifford, suo marito, è morto, il dottore gli ha detto che sarebbe stato meglio che si ricomponesse, perchè aveva due figli a cui badare. Non ha mai parlato molto di suo marito, ma a casa sua, ha sempre tenuto la fotografia del matrimonio, oltre a portare una fotografia di lui con la sua tenuta.
 
Mia nonna era una avida lettrice, collezionava tutti i libri di Agatha Christie e amava la narrativa criminale, leggendo facilmente circa 6 libri alla settimana dalla sua biblioteca locale. Si occupava dei giornali quotidianamente e si teneva al passo con le notizie e lo sport. Era una spettatrice rumorosa ed affascinata dal tennis di Wimbledon, dal rugby, dalla regata e dalla Grand National (ndr corsa ippica disputata ogni anno a Liverpool, Regno Unito). Il cibo ha svolto un ruolo importante nella sua vita. Anche quando viveva da sola, preparava il tavolo e serviva un pasto per lei. Faceva sempre colazione con prosciutto, salsiccia o funghi e, spesso, toast e marmellata più una tazza di tè. Mia nonna aveva sempre l'armadio pieno di vestiti e molto ordinato e pulito e guardando indietro nella storia era un simbolo di buona famiglia.
 
Ha saputo del lavoro di suo padre soltanto da un programma della tv a metà degli anni 80. Ha riconosciuto immediatamente l'uomo di cui stavano parlando come suo padre ed è stato sorpresa dallo sviluppo del suo lavoro e dall'interesse che la gente aveva per lui. Negli ultimi 7 o 10 anni della sua vita, mentre era affetta da demenza, scriveva ancora sui suoi diari e quaderni. A volte sembrava che fosse tornata nella sua mente ai suoi giorni di scuola e, a volte, la sentivamo chiedere dove fosse suo padre o cosa stava facendo sua madre…...”


Pezzi di un diario
Evelyn ha scritto un diario sulla sua vita che non è ancora stato pubblicato e che speriamo di poterlo fare presto. Dalle sue pagine abbiamo estratto alcuni paragrafi che ci sembrano importanti da condividere in modo che il profilo di Evelyn possa essere rappresentato in modo più chiaro.

" il primo ricordo vivido che ho è quello della casa di papà a Birmingham: una casa abbastanza grande, austera e vecchia, a Moseley; avevano delle pesanti tende di velluto rosso scuro che non lasciavano passare la luce, mobili scuri, scomodi e lucenti, e c'era sempre un silenzio tombale in ogni angolo. I suoi genitori erano dei Battisti molto severi, persone molto pulite, e hanno avuto tre figli: Edward, mio padre, Charles, che è diventato avvocato e Edith. Sono stati educati per seguire le regole e anche i loro amici dovevano comportarsi eccezionalmente bene in quella casa."

"Da Edward, mio padre, il figlio maggiore, ci si aspettava che entrasse a lavorare nell’azienda di famiglia. Quindi, contro i suoi desideri, fu nominato capo della fonderia di ottone e per qualche tempo, tutto è andato bene, fino a quando ha pensato che gli uomini che lavoravano per lui erano molto mal pagati e ha deciso di aumentare sostanzialmente il loro stipendio. Il nonno era molto turbato e decise che avrebbe permesso a suo figlio di studiare medicina, una carriera che avrebbe voluto fare da quando aveva lasciato la scuola, altrimenti avrebbe rovinato l'azienda di famiglia. Così ha iniziato la sua carriera professionale e finì per diventare un rinomato chirurgo nella clinica di Harley Street. "

"Prima hanno vissuto (si riferisce ai suoi genitori) in una casa a Pinner e poi in una torre a Chorley Wood. Mentre era in costruzione, invitavano i loro amici a fare i picnic tra i ponteggi e anche sul tetto - ho molte foto di loro seduti sul tetto con me, che dovevo avere circa tre anni. Che strane cose ci piacevano quando ero piccola. La Torre era luminosa e spaziosa, con un grande giardino. Dato che mio padre doveva andare alla clinica tutti i giorni, avevamo un giardiniere che si chiamava Burrell, e io avevo una tata che si chiamava Jane, che alla fine si innamorarono e si sposarono. La strada fino a casa era molto lunga e dopo che entrarono a rubare, mio padre chiese una licenza d'armi e quando finalmente ottenne una pistola, si sentì coraggioso e, stranamente, non abbiamo più subito altri furti. Credo che i gatti abbandonati siano stati gli unici che è riuscito a spaventare."

"Un altro ricordo di questo periodo è quello quando andavamo all'Hotel Connaught Rooms a mangiare. Io e mia madre andavamo a Londra per incontrare mio padre. I miei genitori mi hanno sempre trattato come un'adulta e mi hanno permesso di scegliere i piatti che volevo. A quel tempo, sembra che avessimo un sacco di soldi. Vivevamo bene, facevamo di tutto e ci siamo goduti una meravigliosa vacanza lungo la costa meridionale.”


"Mia madre non ha mai imparato a cucinare. Poco dopo il matrimonio, qualcuno gli ha regalato un pollo e lei l'ha messo direttamente nel forno, con la testa e con tutte le budella ancora dentro. Di conseguenza, mio padre ha assunto una cuoca/governante e così ci risparmiò altri disastri. Solo Dio sa tutto quello che la cuoca, il giardiniere e la mia tata hanno fatto nella nostra - non molto grande - Torre, praticamente perché nessuno di noi stava lì molto tempo. Mio Padre andava in treno al numero 82 di Harley Street, dove aveva lo studio. Ma nonostante il suo stipendio di oltre cinquemila sterline l'anno, che negli anni venti erano un sacco di soldi, improvvisamente decise di dedicare il suo tempo all'omeopatia, interesse che aveva scoperto improvvisamente. Quindi ha lasciato la consultazione, ha lasciato indietro i suoi interessi massonici, ha venduto la torre e se ne è andato. Non so ancora dove andò. All'improvviso mi ritrovai abbandonata in un collegio a Eastbourne."


"Il mio primo collegio a Eastbourne si chiamava South Lynne; era un grande edificio (tipo villa) ed era in una zona molto bella. Quello che ricordo di più è un orso bruno di due metri che si trovava all'ingresso (una grande distesa di piastrelle bianche e nere), sulle mani aveva un vassoio d'argento dove era poggiata la campana della scuola e io, e molte altre ragazze , avevamo una certa paura ad attraversare l'ingresso di notte perché ci immaginavamo che potesse inseguirci."

"Avevo sei anni quando ho iniziato a studiare. C'era una classe di scuola materna molto piacevole piena di giocattoli affascinanti, tra i quali c'erano i blocchi di costruzione più grandi che abbia mai visto, facevano tipo venti centimetri per lato, ricoperti di disegni di favole molto colorati, era meravigliosamente divertente montarli sul terreno; costruivano una grande immagine preziosa che poche volte era completa del tutto.
Non sembrava che imparassimo troppo, passavamo molte ore a disegnare e dipingere e imparare a scrivere in un taccuino tra due linee.
 
Giocavamo a croquet sul prato davanti alla casa, mi sono divertita molto. Avevamo delle piccole mazze speciali per il gioco, e se eri arrabbiata o avevi voglia di qualche scherzo, picchiavi le palle colorate forte attraverso gli anelli. A volte ci facevano smettere e ci sgridavano perché colpivamo le caviglie a vicenda con le mazze, ma non ci facevamo davvero del male.
Avevo molti raffreddori ed il supervisore della scuola ha dovuto informare mio padre per posta (ovunque si trovasse) sul tema, così hanno deciso che mi dovevano togliere le tonsille e le adenoidi. C'era anche un'altra ragazza a cui hanno convinto i genitori a sottoporla a questa operazione di naso e gola.


"Ricordo che una mattina mi hanno detto di restare a letto finché non mi avessero chiamato; le altre ragazze del dormitorio si cambiarono e se ne andarono  chiedendosi perché mi facevano stare lì. Quando furono fuori, entrò il supervisore e mi portò in una piccola stanza vuota in mezzo alla quale c'era un tavolo da cucina semplice e molto pulito. Mi ha detto:
- Togliti la vestaglia e sdraiati sul tavolo. - ero abbastanza spaventata. E poi mi ha detto -: “ora ti addormenteremo ti toglieremo le tonsille e le adenoidi”.
 
Ero sopraffatta e non capivo niente, ma il giovane chirurgo e l'anestesista sembravano gentili e simpatici. Ricordo solo che mi hanno messo una maschera sul viso che aveva un odore dolce e poi mi hanno detto di respirare profondamente: - quando ti sveglierai, avrai un sacco di gelati.
Quando alla fine mi sono svegliata, ero molto stordita e il pigiama era pieno di sangue e non avevo alcun interesse per i gelati.
In meno di una settimana l'altra ragazza ed io eravamo già tornate alla normale routine scolastica, l'unica differenza con le altre ragazze era che alla fine ci hanno dato un sacco di gelato e ci furono molte proteste a causa di questo."


"Quel pranzo di Natale è il ricordo più bello della mia infanzia. Dovrebbe essere durato almeno tre ore. Tutti erano vestiti da festa, le donne vestite di seta, sedevamo ad un tavolo scintillante, le grandi finestre decorate con Agrifoglio e le sedie sottostanti erano piene di regali che ci avrebbero permesso di aprire dopo aver terminato il pranzo. Il tavolo era pieno di crackers (è una sorta di petardo tipico delle feste natalizie nel Regno Unito e nei paesi del Commonwealth. Si tratta di un tubo di cartone avvolto in carta scintillante che, quando due persone tirano dai lati, parte facendo un rumore sordo e all'interno escono piccoli regali (piccoli giocattoli, cappelli di carta, portachiavi, ecc. Di solito se ne mette uno sopra il piatto di ogni commensale) e decorata con agrifoglio e fiori. Non riesco a ricordare se abbiamo mangiato oca o tacchino, ma ricordo le cameriere che entravano con il Christmas pudding in fiamme.
 
Ma la parte più emozionante fu quando misero un piatto enorme sul tavolo ed era pieno di prugne, la signorina Thomas lo ha cosparso di brandy e poi lo ha accese con un fiammifero mentre tutte noi ci siamo ravvicinate per vedere quante prugne potevamo prendere velocemente dal fuoco e mangiare. Avevo moltissimi regali, immagino che i miei genitori avessero la coscienza sporca ed avevano deciso di rassicurarla mandandomi un sacco di regali stravaganti. Ma l’ho adorato, e la maggior parte delle ragazze mi invidiavano perche 'non sembrava che ne potessi avere così tanti."

"Quando avevo circa undici anni, mio padre decise che dovevo imparare qualcosa di fotografia, così mi ha inviato una piccola fotocamera Brownie Box (che ho tenuto per anni dopo essermi sposata ed avere avuto i figli). Ogni settimana mi mandava un rullino ed io facevo decine di fotografie non molto buone, perché nessuno si era dato la briga di insegnarmi nulla. Il supervisore prendeva i rullini per portarli a sviluppare e conservo ancora alcune di quelle orribili fotografie e mi chiedo cosa ne sarà stato di quelli che ho fotografato."

"Ogni domenica dovevamo scrivere ai nostri genitori. Mia madre rispondeva alle lettere. Scriveva spesso, ma papà, se scriveva, sempre elogiava il valore del duro lavoro e dello studiare molto e ricordo che si turbò assai quando gli scrissi dicendo che aveva lasciato il latino per poter prendere più lezioni di disegno e pittura perché adoravo dipingere."

"Mi hanno dato alcune brevi indicazioni sulla fede cattolica e mi fecero studiare catechesi dall'inizio alla fine e, come mia madre, mi sono convertita anche io alla fede cattolica a scuola. Non dimenticherò mai la mia prima comunione, tutti hanno ricevuto dei piccoli regali per la cresima, ma io no. I miei genitori mi avevano promesso che sarebbero venuti, ma non lo fecero. Io volevo mostrare il mio bel vestito bianco di seta e il copricapo di fiori bianchi. Dopo la messa ci siamo riuniti nella parte del convento per le suore per un pranzo speciale, a cui hanno partecipato la maggior parte dei genitori. Mia madre, però in seguito mi inviò una piccola croce d'oro con perle molto belle, ancora la porto spesso. Ora deve avere quasi sessant'anni."

"Il mio primo lavoro è stato per un medico famoso che era Spiritualista e che viveva su una delle strade principali di Norwich. Aveva due figli e il mio compito era di prendermi cura di loro ed essere utile alla moglie, e aiutarla con le faccende di casa quando i domestici non c'erano. Potete immaginare come lo facevo? Non posso credere che ce l'abbia fatta, avevo solo diciassette anni, non aveva ricevuto alcuna formazione sulle faccende domestiche e dovevo dare da mangiare ai bambini, tenere la camera dei genitori e dei bambini pulita ed ordinata, lavare tutti i loro vestiti e anche spazzare il pavimento della camera da letto dei piccoli, e non sapevo nemmeno da dove cominciare."

"Tornando alla mia vita: sono rimasta al negozio di tessuti Bonds a Norwich fino a quando mi sono sposata, nel 1941. Ho lasciato il negozio poco prima di Natale del 1940 per avere tempo di preparare tutto per il matrimonio, ad aprile. La società e i miei compagni mi hanno fatto un sacco di regali utili, come ad esempio otto paia di lenzuola di cotone da parte dei proprietari."

"Nel 1946 mio marito finì il servizio militare e io andai negli uffici del Municipio per vedere se potevano aiutarci a trovare una casa. Sono stato fortunata: mi hanno dato le chiavi di una casa popolare completamente nuova con tre camere da letto e ci ho vissuto felicemente per trentotto anni. Vado così veloce perché la tragedia è arrivata solo quattro mesi dopo l'entrata nella nuova casa. Il 1947 è stato un anno molto caldo e, proprio quando stavamo iniziando a fare l’abitudine al nuovo giorno per giorno, mio marito prese la poliomelite e dopo una breve malattia, morì solo una settimana dopo in ospedale collegato ad un polmone d'acciaio. Entrambi avevamo trent’anni, avevamo due figli, uno di cinque anni e una di quattro, e solo quarantacinque sterline in banca, quindi, sentendo pena per me, ho chiamato il medico, ho chiesto a mamma (che viveva in un'altra parte di Norwich ) che venisse a vivere con me ed entrambi mi dissero: - è meglio che ti trovi un lavoro.
 
Non ho dovuto cercare molto perché il proprietario del fruttivendolo, con cui ero in amicizia, mi ha chiamato dopo poco e mi ha offerto un lavoro a mezza giornata che ho accettato con molto piacere. Era la soluzione perfetta, dato che la scuola dei bambini era proprio alla fine della stessa strada, potevo lasciare i bambini lì, lavorare fino alle tre e un quarto e prenderli per lasciarli a casa con mamma (loro nonna), che ora viveva con me."

"In un batter d’occhio i bambini finirono gli studi, trovarono lavoro e si sposarono e ora ho cinque nipoti. Sono andata in pensione nel 1975, ma prima di allora, mamma morì nel 1973 di cancro, era stata malata in maniera saltuaria per quattro anni, gradualmente indebolendosi e mangiando sempre meno, passò solo una settimana in ospedale quando morì.
Ora sono sola: i bambini se ne erano andati di casa, mamma era morta. E vivere solo con la pensione di Stato significava che devo stare molto attenta nonostante il lavoro al negozio di tessuti, da dove sono andata via senza pensione anche se mi diedero un assegno per un valore di mille sterline che temo voleranno via velocemente."


Ricapitolando
La lettura dei pezzi del diario di Evelyn rivela la presenza di uno spirito combattivo, discolo e sensibile, con una storia infantile disparata, con alti e bassi, luci e ombre, esultanze e dolori. Un'esperienza che l'ha aiutata a forgiare un carattere deciso. Ha vissuto nella totale ignoranza di chi fu, per il mondo suo padre, fino a non molti anni prima della sua morte e, in molti modi, non ha avuto un rapporto profondi con lui. La solitudine l'ha accompagnata nella sua vita ma le condizioni di un'infanzia difficile, lontana dei suoi genitori, passando da un collegio a un altro, sentendo la mancanza di sostegno affettivo familiare, non ha generato in lei sentimenti di amarezza ma ha saputo trasformare le avversità in forza . Forse questa è stata una virtù che la sua anima aveva bisogno di sviluppare. Nella sua storia c'è una costante successione di perdite, fino alla morte prematura di suo marito.
  
Tuttavia, la tristezza che poteva avere un senso, non si trasformò in malinconia e abbandono della vita. Sempre in piedi, sempre avanti. Ma, ciò che ha sofferto e sostenuto senza piegarsi, ha lasciato impronte. La demenza stava mangiando il suo presente. I suoi genitori, entrambi, sono morti di cancro, la malattia ha portato via il futuro. Lei, forse, è tornata al suo passato, ai tempi della sua infanzia, forse per guarire le ferite o per recuperare momenti felici o per chiedere, con i suoi sintomi, essere curati e curati. Non lo sappiamo per certo, ma l'amore che la sua famiglia gli professa non ci lascia dubbi sulla preziosità e la grandezza della sua persona. Il suo deterioramento è stato il prezzo che ha pagato per tanti sforzi, per tanto dolore che non le ha mai rubato la gioia.

Ringraziamo Berta Creus la traduzione in spagnolo degli frammenti del diario di Evelyn e di Ines Grandes quella del video. E, naturalmente, immensa gratitudine alla sua famiglia per averci permesso di condividere informazioni così preziose.
Scritti tratti da https://www.facebook.com/eduardohoracio.grecco?fref=ts   7/2017
Liberamente tradotto da Antonella Napoli - Le parti in neretto, i titoli e la formattazione non sono dell'autore, ma le ho inserite per una più veloce e scorrevole lettura



Dr.ssa Antonella Napoli, Psicologa e floriterapeuta, P.I. 001355428886
Torna ai contenuti