Contatore siti Le difficoltà relazionali - Fiori per l'anima

Le difficoltà relazionali - Fiori per l'anima

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Le difficoltà relazionali

Psicologia

Le relazioni interpersonali possono apportare grande ricchezza e benessere nella nostra vita, ma talvolta possono essere fonte di intensa sofferenza e disagio. Il concetto di relazione rimanda a quello di comunicazione, quindi, generalmente possiamo affermare che i problemi relazionali riguardano anche il comunicare.

Tutto ciò che accade nei rapporti con gli altri – comprensioni e incomprensioni – viene regolato, infatti, dalla comunicazione.


I problemi relazionali nascono e perdurano quando rimaniamo intrappolati in una rete discorsiva che ci blocca in situazioni a volte paradossali.
Questo può avvenire in qualsiasi contesto o situazione: nella coppia, in famiglia, nel lavoro, con gli amici, con noi stessi.
Altro aspetto fondamentale è rappresentato dalla capacità di "mettersi nei panni dell’altro".

La qualità della relazione dipende, in gran parte, dallo sperimentare o meno comunicazioni in cui sentiamo che l’altro tenta di comprendere le nostre intenzioni e, reciprocamente, ci sentiamo interessati a comprendere le sue.

Questa capacità di "mettersi nei panni dell’altro" è indicata da Kelly (Kelly, in Armezzani, 2003) come condizione dell’accordo e dell’armonia tra le persone, mentre il suo fallimento è visto come la "tragedia più grande".
Alcuni autori (Leitner e Faidley, in Armezzani, 2003) hanno sottolineato come la sofferenza psicologica derivi quasi sempre dall’impossibilità di questo genere di comunicazione.
Per poter avere un'esperienza di vita ricca, risonante e significativa, scrivono Leitner e Faidley, le persone hanno bisogno di relazioni dense e profonde in cui sia possibile comprendere il processo di creazione di significato dell'altro. Nel caso contrario, le relazioni possono diventare spaventose, perchè portano con sè la probabilità del tradimento e della distruzione.
Gran parte del lavoro della psicoterapia consiste proprio nel permettere alla persona di sperimentare questa possibilità, di sentirsi guardato, spesso per la prima volta, per ciò che sente di essere e di poter guardare, reciprocamente, gli altri secondo i loro significati.

Bibliografia
- Armezzani M., Grimaldi F., Pezzullo L., (2003). Tecniche costruttiviste per la diagnosi psicologica. McGraw-Hill Companies.


Articolo tratto da http://www.psicologopadova-robertogava.it

 
Copyright 2016. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu