Contatore siti CLEMATIS - Fiori di Bach - Fiori per l'anima

CLEMATIS - Fiori di Bach - Fiori per l'anima

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

CLEMATIS - Fiori di Bach

Floriterapia > Fiori di Bach > I singoli fiori

Fa parte dei dodici guaritori
Nome: Vitalba o clematide - Clematis vitalba - Fam.: Ranuncolacee
Colore: bianco
Riconoscimento: 1928, Galles
Classe di appartenenza: Insufficienza di interesse nel presente
Preparazione: Metodo del sole


Per i sognatori, per gli addormentati, per coloro che non sono mai completamente svegli e non provano nessun interesse particolare verso la vita. Persone tranquille, non propriamente felici della loro condizione, e che vivono più nel futuro che nel presente, sperando sempre in tempi più felici, in cui potranno realizzare i loro ideali. Nella malattia, fanno pochi sforzi o addirittura nessuno, per guarire. In certi casi possono arrivare a desiderare la morte nella speranza di raggiungere una vita migliore oppure di ritrovare, forse, una persona cara che hanno perduto. (1936 I dodici “guaritori” e altri rimedi)

Quando il paziente è sonnolento, assopito o sognante; non ha interesse nelle cose; sembra distante. (1934 I dodici “guaritori “ ed i sette aiuti)

INDIFFERENZA Per combattere tutti gli stati di sonnolenza, assopimento, indifferenza. Quando il paziente perde interesse e non fa sforzi per migliorare. Sembra indifferente a ciò che accade: non ha entusiasmo per nulla. Ascolta solo a metà ciò che gli viene detto. Queste persone sono spesso sognanti, lontane, apatiche, vivono nei loro pensieri; forse pensano troppo a qualcuno che hanno perso, o hanno ambizioni che non riescono a realizzare. Sembrano soddisfatte, non completamente deste, felici nei loro sogni. Di solito sono quiete e gentili, ma non trovano abbastanza gioia nella vita in sé; non vivono sufficientemente nel presente. Questo tipo sviene frequentemente; nei casi di incoscienza è sufficiente umettare le labbra con il rimedio. (1933 I Dodici “guaritori” e i quattro aiuti)

sono indifferenti, non hanno sufficiente interesse nella vita. Sono apatiche e non compiono sforzi autentici per guarire o concentrarsi sul lavoro di ogni giorno. Spesso vogliono dormire eccessivamente e hanno uno sguardo assente. (1933 Dodici guaritori)

Quando il paziente è sonnolento, assopito, indiffe¬rente, ha uno sguardo distante, senza interesse nelle cose, quando non si sforza di migliorare né ha gioia nella vita (1933 Dodici grandi rimedi)

INDIFFERENZA GENTILEZZA Sei uno di coloro per i quali la vita non ha molto interes¬se; che si sveglia desiderando quasi che non ci sia un altro giorno da affrontare: la vita è dura e difficile, con pochis¬sima gioia: nulla in realtà sembra valere qualcosa e sarebbe bellissimo dormire semplicemente: praticamente lo sforzo di recuperare la salute non vale la pena? I tuoi occhi hanno quell’aria distante, come se vivessi nei sogni e trovassi que¬sti ultimi molto più belli della vita stessa: oppure, forse, pensi spesso a qualcuno che ha abbandonato questa vita? Se è così, stai imparando a non cedere “quando dentro di te non c’è altro che una volontà che dice: - Non cedere!”; ed è una grande vittoria arrivare sino in fondo.
Quella bellissima pianta che adorna i nostri cespugli dove c’è calcare, Clematis, meglio conosciuta come “La gioia del viandante”, e i cui soffici semi sono sempre in attesa di essere lanciati via per ricominciare un’altra vita, ti aiuterà moltissimo a tornare indietro, affrontare la vita e trovare il tuo compito, portandoti la gioia (1932 Libera te stesso)
 
L’ESTATICO Per coloro che si fanno governare dai sogni, che vivono negli ideali, ma fanno poco sul piano pratico. Spesso amano i libri e si perdono nelle letture, specialmente in gioventù. Si lasciano trascinare da movimenti patriotti¬ci o religiosi, facendosene assorbire momentaneamente e trascurando i loro doveri ordinari. Sposteranno rapi¬damente la loro attenzione da un progetto all’altro. Hanno la tendenza ad attaccarsi troppo ad altre persona¬lità, mettendosi sotto il loro potere; questo avviene in modo volontario e senza paura, e potrebbe essere accom¬pagnato da un affetto profondo e dal desiderio di non venire mai separati. La personalità più forte potrebbe usare la sua influenza in modo negativo durante la vita; oppure, dopo la morte, esercitare un richiamo sul partner: per questo il paziente non lotta contro la malattia.
Non hanno grande attaccamento alla vita, che per loro non rappresenta granché. Mostrano poca resistenza alla malattia e sembra che non abbiano paura della morte, né che desiderino migliorare. Sono tranquilli, calmi, rasse¬gnati alla malattia, non per paziente coraggio, ma per indifferenza. Quindi hanno due fasi: l’entusiasmo riguar-do gli ideali e, nella malattia, la calma rassegnazione.
Il rimedio porta stabilità e pone i pazienti su un piano più pratico, riportandoli con i piedi per terra. In tal modo li rende capaci di realizzare il loro compito in questo mondo. (1930 Alcune considerazioni...)

       
tratto dagli scritti di E. Bach, in particolare dal libro: Le opere complete - Edward Bach - Macro


Guarda anche l'articolo:
1.   Secondo o terzo fiore scoperto?
2.   Sognare ad occhi aperti
3.   Bontà, indifferenza
4.   Irrealtà, sogni ed estasi
5.   La comunicazione e la dipendenza

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

FLORIT  9 VITALBA (Clematis)
Qualità da sviluppare
ALLEGRIA
Squilibrio Vive nell'immaginazione
Elementi di riflessione Sogno molto? Mi sembra che la vita rechi pochi interessi? I miei sogni sono più belli del mondo che mi circonda? Leggo molti romanzi? Sono sovente assorto nei miei pensieri? Sono romantico? Sono nostalgico? Penso alla liberazione tramite la morte per andare a vivere in un mondo migliore? Sono indifferente agli affari correnti e quelli della mia famiglia? Ho voglia di coricarmi e dormire continuamente? Mi sembra che la vita sia dura difficile da vivere?
Caratteristiche esterne Lento nel movimento e nell'azione; sguardo e aspetto sognanti, Fa domande e non ascolta le risposte. Testa fra le nuvole: perde le cose facilmente, è incline agli incidenti, non ricorda gli impegni presi è distratto. Gli danno fastidio i rumori perché lo portano alla realtà. Si addormenta nei posti più strani. Ha problemi con le cose concrete. Rimanda gli impegni pratici Sguardo assente. Colorito pallido. Atteggiamento tranquillo e poco vitale.
Caratteristiche interne Fantasia e immaginazione eccessiva. Nostalgico, fugge da una realtà non gradita: sulle nuvole si sta meglio! Ideali di bellezza che non vede realizzarsi nel suo futuro. Perde interesse per la vita quotidiana. Fugge nel futuro: fantasie positive che non concretizza. Dolce, romantico, eccentrico e incline alla creatività. Triste e stanco perché spreca le sue energie nell'immaginazione. Stato d'animo intorpidito.
Descrizione floriterapia È una pianta perenne che si sviluppa come una liana. È molto comune in Europa. Nel bosco quando cresce indisturbata, il fusto diventa più grosso di quello di un arbusto, ma si mantiene elastico e può svilupparsi fino ad una lunghezza di 25-30 m. con la cima che penzola dai rami come quella delle liane tropicali. È una pianta velenosa, produce sostanze brucianti, vescicatorie, che spesso spariscono con il seccarsi della pianta. Ha qualità detersive, antirogna, purgative e vescicanti.
PT SCOLLEGAMENTO
Ricollega i piedi alla testa, ripristinando il flusso energetico tra il primo chakra (la radice) e il settimo che governa il sistema nervoso centrale, la testa, i capelli, la ghiandola pineale.

Scheda Tratta da "Comprensione ed utilizzo dei fiori di Bach" - Florit - PromoPharma



 
Copyright 2016. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu